Cerca

Partire dalle fondamenta: i benefici della GYROKINESIS® sui piedi



Il piede, con le sue 33 articolazioni, 26 ossa (numericamente pari ad un quarto di tutto lo scheletro) oltre 100 muscoli, legamenti e tendini, è una meraviglia della natura.


Oltre ad essere organo del sistema motorio, tiene continuamente aggiornato il nostro sistema nervoso, attraverso informazioni tattili, spaziali, propriocettive ed esterocettive, sulle oscillazioni della nostra massa corporea, contribuendo, così, al mantenimento dell'equilibrio. Esso è l’unica parte del nostro corpo costantemente in contatto con una superficie rigida rappresentata dal suolo.


Il piede è uno strumento conoscitivo fondamentale fin dalle prime fasi di vita dell'uomo. Tuttavia per le abitudini moderne, fra tutte quella dell’utilizzo delle calzature, tende a perdere col tempo questa sua naturale funzione.


Le scarpe ostacolano quasi tutti i movimenti sottili e le funzioni essenziali che i piedi dovrebbero eseguire, permettendo loro movimenti quasi unicamente generati dalle articolazioni delle caviglie, piuttosto che dalle numerose articolazioni in essi presenti. Tutta la loro complessità strutturale finemente disegnata è quasi sempre del tutto spenta. I nervi motori, che ricevono messaggi dal cervello per muovere i piedi, ed i nervi sensoriali, che rimandano le informazioni riguardo il terreno, sono blindati e quindi resi non comunicanti con il sistema nervoso centrale.


È importante stimolare e conservare la mobilità ed elasticità dei piedi, per garantire una corretta dinamica del passo, la loro azione ammortizzatrice oltre ad una buona articolarità.


La capacità dei piedi di adattamento al terreno sul quale camminiamo fa si che detto arduo compito non sia affidato alla schiena. Quest’ultima, infatti, si trova spesso costretta ad eseguire movimenti di compensazione che, oltre a creare dolorose contratture, interrompono e danneggiano il sistema di comunicazione tra sistema nervoso ed arti inferiori.



La GYROKINESIS® mira a sviluppare la funzione sensitiva e recettiva del piede, stimolando le afferenze cutanee, articolari, legamentose e muscolari.


Preservare dei piedi "giovani" e mobili garantisce maggiore ergonomia nei movimenti e, nel mantenimento della posizione eretta, un migliore equilibrio e controllo posturale.

© 2020 marikavannuzzi.net

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco YouTube Icona